martedì 7 marzo 2017

Leggendo SerialMente - Gruppo di Lettura #1 - Il labirinto degli spiriti: decima tappa


Buongiorno lettori, rieccoci al quarto libro della quadrilogia Il cimitero dei libri dimenticati di Carlos Ruiz Zafon edito da Mondadori: Il labirinto degli spiriti. Il tempo vola!!!! Prima di entrare dirvi le mie impressioni vi lascio i link relativi alle tappe postate fino ad oggi.

L'OMBRA DEL VENTO

03 gennaio 2017 - Desperate Bookswife: commento da pag. 0 a pag. 196 (i primi 25 capitoli) - Link qui
10 gennaio 2017 - Un libro per amico: commento da pag. 197 a pag. 310 (vi dovrete fermare al capitolo che inizia riportando queste date: 1933-1954). Link qui
17 gennaio 2017 - Desperate Bookswife: commento da pag. 311 ( Parte intitolata: Nuria Monfort: Memorie di spettri 1933 - 1954) a pag. 471, ovvero fino al termine del romanzo. Link qui

IL GIOCO DELL'ANGELO
Ci comportiamo come se la quadrilogia fosse raccolta in un unico volume, quindi abbiamo appena terminato il volume uno ma senza ulteriori presentazioni iniziamo a leggere il secondo.
24 gennaio 2017 - Un libro per amico: commento da pag. 11 a pag. 138, ovvero tutto l'Atto Primo. Link qui
31 gennaio 2017 - Desperate Bookswife: commento del Secondo Atto, da pag. 141 a pag 336. Link qui
7 febbraio 2017 - Un libro per amico: commento del Terzo Atto + l'Epilogo, ovvero da pag. 339 a pag. 466. Link qui

IL PRIGIONIERO DEL CIELO
14 febbraio 2017 - Desperate Bookswife: commenteremo le parti 1 + 2 , fino pag. 174. Link qui
21 febbraio 2017- Un libro per amico: commenteremo le parti 3 + 4 +5, ovvero fino a pagina 340.




  

IL LABIRINTO DEGLI SPIRITI
28 febbraio 2017 - Desperate Bookswife: commento fino a pagina 193, ovvero Il libro di Daniel + Dies Irae + Ballo in maschera +Kyrie.
07 marzo 2017 - Un libro per amico: commenteremo da pagina 199 fino a pagina 386, ovvero la parte: La città degli specchi.
14 marzo 2017 - Desperate Bookswife: chiacchiereremo da pagina 391 fino a pagina 573. Parte: I Dimenticati.
19 marzo 2017 - Un libro per amico: dai che siamo quasi, un ultimo sforzo, da 579 a pagina 815, ovvero Agnus dei + Il quaderno di Isabella +Libera Me + In Paradisum +Barcellona +1964 +Il libro di Jilliàn + Epilogo.

ATTENZIONE SPOILER!!!! 

Credetemi se vi dico che non so da che parte cominciare…
Questa seconda parte dell’ultimo libro è una sorta di riassunto di quello che troviamo nei libri precedenti e non succede molto che noi non sapessimo già.
Anche in questa parte come nella precedente Alicia è la protagonista assoluta. La scorsa settimana l’avevamo lasciata sul treno diretto a Barcellona, con Vargas che dalla banchina la guardava allontanarsi. In questa nuova parte la ritroviamo a Barcellona e da subito l’autore le mette sulla propria strada Fermin - quell’uomo che tanti anni prima l’aveva salvata alla morte - lo riconosce ma tira dritto… Perché??? Bohhhhh!!!
Per tutta questa parte Alicia indaga per scoprire dove si trovi Valls, quali siano le ragioni della sua scomparsa ed i collegamenti tra i vari personaggi.
Valls nel frattempo è in una prigione con un moncherino al posto della mano ed è convinto che dietro la sua prigionia ci sia David Martin. Quale sarà la verità??? Non ci viene svelato ma, non so perché, io continuo a pensare a Carax.
Quello che emerge con lo scorrere delle pagine è che Alicia è veramente un personaggio meraviglioso, proprio come avevamo avuto l’impressione da subito; sa come muoversi, incanta ogni uomo che si trovi sulla sua strada, è intelligente, impertinente ed il suo passato pieno di mistero rende il suo personaggio affascinante.
Tanti sono i personaggi dei volumi precedenti che ritroviamo ma poche, secondo me, le rivelazioni per noi che abbiamo letto l’intera quadrilogia.
Niente di quello che ci è stato raccontato mi ha stupito se non l’ultima parte in cui Fumero porta via le figlie di Matiax – unico vero nuovo personaggio del libro – per darle presumibilmente al banchiere Ubach e a sua moglie.
Per il resto, a parte le tantissime ripetizioni che, per quanto mi riguarda avrebbero potuto occupare un po’ di pagine in meno, sono pochi i punti degni di nota.
La parte che più ho amato è stata quella dell'incontro tra Alicia e Bea in libreria, l'amore immediato di Julian verso Alicia e i biglietti di prescrizione dei libri scritti da Fermin. Peccato sia durato veramente troppo poco.
Quello che però continuo a chiedermi è cosa sappia Alicia della famiglia Sempere e perchè arrivi addirittura ad immaginare di essere al posto di Bea.
Posso dirlo che, seppur banale, io sto facendo il tifo per Vargas con Alicia? Spero infatti che riesca a farle tirare fuori il lato più umano perchè insieme li vedrei veramente bene!
Che altro dire? Forse troppe storie che si ripetono: Matiax che viveva con una moglie con una malattia rara come Valls; la storia di Ariadna che cade nel mondo sotterraneo dell'altra Barcellona un po' come Alicia cade nel Cimitero dei libri dimenticati; Fumero che guardando Alicia la paragona alla Cloe dei primi racconti di David Martin. Insomma, dove vuole portarci Zafon? Quello che ci sta raccontando è tutto un mondo inesistente che si trasformerà in fumo da un momento all'altro oppure ha finito la fantasia? Spero nella prima ipotesi.
Tirando le somme, mi è piaciuta questa parte? Ni! In alcuni momenti mi ha infatti annoiato - nonostante lo stile sia quello dello Zafon che adoro - perchè sembrava quasi che stesse spiegando tutto per chi prende in mano l'ultimo libro senza aver letto i precedenti.
Spero che le prossime pagine ci riservano un po' più di novità e ci diano soprattutto delle risposte!
E voi? Cosa ne pensate?
Vi ricordo che la prossima tappa sarà il 14 marzo sul blog Desperate Bookswife dove chiacchiereremo da pagina 391 fino a pagina 573. Parte: I Dimenticati.

17 commenti:

  1. Ciao bella! Ti dirò, a me questa parte, seppur come hai detto tu di "riassunto", non mi è dispiaciuta perché mi è servita proprio per ricapitolare le tantissime informazioni che Zafon ci aveva buttato addosso nei libri precedenti. Anche a me piace molto il personaggio di Alicia, finalmente una donna decisa e "tosta", anche se a dire la verità sto cominciando a rivalutare anche la posata ma autorevole Bea. Io credo che Alicia immagini di essere al posto di Bea soprattutto perché le invidia quella famiglia così serena e piena di amore, cosa che lei purtroppo ha conosciuto per troppo poco tempo... comunque il libro mi sta coinvolgendo moltissimo: a mio parere Zafon ha ritrovato la verve de L'ombra del vento creando un romanzo ricchissimo e davvero coinvolgente. Certo, non è un libro a cui si possano dedicare pochi minuti al giorno, infatti io mi sto eclissando dalla vita famigliare per continuare nella lettura e non vedo l'ora di scoprirne di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Nadia, anche per me Zafon ha ritrovato la verve de L'ombra del vento!

      Elimina
  2. Concordo su tutto! Questa parte mi è piaciuta abbastanza ma tirando le somme sono tante pagine che si leggono veloci ma aggiungono davvero poche novità rispetto a quanto già sapevamo. Continuano i dubbi, i misteri e le tante domande che ancora non trovano risposta su Valls, il suo carceriere, il rapporto di Alicia con i Sempere... sono sempre più impaziente di arrivare alla fine e risolvere tutto!
    Il personaggio di Alicia continua a piacermi molto, il suo rapporto con Vargas mi fa tenerezza e mi ha fatto pensare a Vani e Berganza della Basso :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho pensato anche io della Basso! Dai identici!!!! Alicia è la goth dell'epoca e Vargas è tutto d'un pezzo come Berganza!

      Elimina
    2. Purtroppo leggendo e commentando a pezzi può capitare che alcune parti non siano particolarmente interessanti se prese singolarmente.

      Elimina
  3. Questa parte l'ho trovata lunga ed un po estenuante, ma interessante. A me è piaciuto questo tirare di fili già noti. Noti come fatti. Ma quel che ha creato i fatti non lo conosciamo.
    Infatti mi ha sorpreso Brians. Me lo ricordo dal vecchio volume e mi sembrava molto più ingenuo. Invece qui sembra un poco conplottista. Vabbe che tutti hanno qualcosa da nascondere, ma parte dei misteri li conduco a lui.
    E comunque il ripasso fa sempre bene.
    Alicia e Vargas concordo assolutamente essere adorabili! Per chi ha letto Alice Basso ricordano Vani e Berganza!!!!
    Secondo me Alicia è rabbiosa verso Bea e dice che potrebbe essere al suo posto Perché per qualche motivo in gioventù frequentava il figlio e poteva essere una piega presa dal destino oltre che perché si immagina al suo posto. Senza la guerra o coi genitori vivi avrebbe avuto una vita diversa.
    La prigionia di valls invece è macabra forte. Non escludo Carax, ma Martin è senz'altro fondamentale.
    Il finale con la fuga di fumero con le bambine è inquietante! Ma sempre in mezzo a menar le mani?
    Chissà cosa ci riserva i dimenticati! Spero di ritrovare più daniel e fermìn! Anche se secondo me fermìn ha sospettato che la signorina in stazione fosse Alicia. Semplicemente, li penso come personaggi che non amano rivangare il passato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ripasso piace anche a me, forse in questo caso avrei un po'snellito!
      Daniel e Fermin qui sono mancati ma forse noi ce ne rendiamo conto solamente perché lo stiamo leggendo a pezzi! ;)

      Elimina
  4. Mi aspettavo qualcosina i più..nel senso, il romanzo mi sta piacendo molto, mi piace la narrazione, la storia, i personaggi..ma da Zafon mi aspettavo di più; questo romanzo è nella norma (almeno per il momento), accattivante,m coinvolgente, ma normale. Non ha quel quid in più che ha reso magico "l'ombra del vento" o "il prigioniero del cielo". E' vero, è un romanzo molto lungo, magari ci servirà delle grosse sorprese nel seguito che farà tornare ai miei occhi questo romanzo ai livelli dei precedenti.
    Tornando alla parte in lettura, Alicia mi piace tantissimo. Una bella donna "cazzuta" (si può dire?) che non si arrende di fronte a niente e va dritta per la sua strada. Mi piace moltissimo anche Vargas, questa figura di uomo maturo che accompagna Alicia nella sua avventura.
    Scopriamo anche che fine ha fatto Valls, ma possiamo per il momento solo immaginare chi sia colui che lo tiene prigioniero.
    Continuamo a leggere, sono troppo curiosa di vedere come va avanti la storia e scoprire se Zafon mi riserverà delle belle sorprese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzuta si deve dire! Hihihihi
      Io sono andata avanti e ti assicuro che di sorprese ce ne sono in quantità! ;)

      Elimina
    2. Su cui tiene valls prigioniero ho un sospetto... Ma temo sia una scemenza e non oso dirlo sia per questo sia perché se ho ragione è spoiler!

      Elimina
  5. Arrivo come sempre per il rotto della cuffia! Dunque, il pezzo fino al racconto del giornalista ad Alicia l'ho trovato interessante e mi ha messo un po' di agitazione sapere che c'era qualcuno che entrava a casa di Alicia. Lomana mi inquieta e vorrei sapere che fine ha fatto. Poi la parte del racconto a tratti l'ho trovata noiosetta, non tanto per le ripetizioni di storia quanto come sempre per le elucubrazioni interiori di questi scrittori. Però arrivati al clou si chiude così! Ora suppongo che la moglie di Valls mezza morente sia una delle due figlie di Mataix... secosì fosse l'altra che fine ha fatto? La prigionia di Valls è da Saw l'enigmista. Quando si è segato il braccio stavo male!!! Cmq accoppiata Alicia-Vargas top, li adoro. Ora vediamo come si mette la faccenda anche perché sono curiosissima di questi incastri improbabili..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parti di Valls sono veramente crude...

      Elimina
  6. Sisterrrrrrrr!! ci sono eh :-) Devo ammetetre che con questa parte ho faticato. Troppo lenta e comunque ripetitiva. Ho voglia di novità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo quattro libri di fila credo sia normale! Anche io ho voglia di salutare Zafon e incontrare altro! ;)

      Elimina
  7. Ciao Daniela! ^_^ Intanto grazie per avermi ricordato che la scadenza di questa tappa è oggi (ci sono a filo, ma ci sono!! ;-) ehehe)
    In effetti come te anch'io sono stata un po' spiazzata da questa parte nel senso che è un po' lenta e non accade chissà cosa...
    Quel che mi ha colpita in positivo è il personaggio di Alicia che si sta evolvendo in positivo (o per lo meno riusciamo a capire meglio come sia davvero il suo carattere e quanto brava sia nel suo lavoro), però non so come mai il "protagonista" sia cambiato 3 volte fino a questa parte.. nel senso che inizialmente a inizio libro pensavo sarebbe stato Daniel, poi pensavo sarebbe stato Fermín, invece poi scopro (almeno per ora) che la protagonista è Alicia da grande (e non più la bambina che Fermín aveva salvato dalla bomba)... insomma ora della fine del libro potrebbe cambiare ancora e chissà come finirà!! xD
    Ma l'autore è sempre abile nella sua scritura, quindi riesce a regalare anche pezzi che mi hanno fatta sbellicare dalle risate, come e la scena in cui Alicia sta scegliendo che libri comprare nella libreria Sempere...e trova un biglietto con scritto "consigliato da Fermín perché..." Beh, ho riso per mezz'ora!!! xD ahahaha
    Curiosissima di leggere i prossimi capitoli ;-)

    RispondiElimina