mercoledì 30 novembre 2016

Recensione #160 - Ritorno a Riverton Manor di Kate Morton

Ciao a tutti! Eccomi di nuovo qui.  Super settimana questa, carica di post! Sono molto felice di essere riuscita a riprendere le redini del blog. Ultimamente sto riuscendo a stare dietro alle letture e di conseguenza alle recensioni, in più tantissime idee bollono in pentola e si stanno concretizzando quindi non perdete di vista il blog!!!
Come state? Il Natale si avvicina; siete già in modalità festaiola o, come me, aspetterete il week end dell'Immacolata? In quel caso manca comunque pochissimo!!!
Oggi ritorno con una recensione, quella di un libro che è stato protagonista del gruppo di lettura qui sul blog e che ho adorato. Si tratta di Ritorno a Riverton Manor di Kate Morton edito da Sonzogno, pag. 528.

Sinossi: Inghilterra 1924. È la festa di inaugurazione della sontuosa dimora degli Hartford, e il fragore di uno sparo si confonde con i botti dei fuochi d'artificio che illuminano il cielo. Il poeta Robert Hunter giace senza vita nei pressi del laghetto della tenuta, con la pistola ancora fumante in mano. È suicidio? Di sicuro è uno scandalo che scuote fin dalle fondamenta l'aristocratica casata, perché le uniche testimoni del fatto sono le sorelle Hannah ed Emmeline Hartford. Che da allora non si parleranno mai più. Inverno 1999. Sono passati più di settant'anni da quella notte, e la quasi centenaria Grace Bradley, nella casa di riposo in cui trascorre i suoi ultimi giorni, è convinta di essersi lasciata per sempre alle spalle i fantasmi del passato e i tristi ricordi. Ma una giovane regista americana, che vuole realizzare un film sulle sorelle Hartford e su quel misterioso suicidio, chiede la sua consulenza. Grace, infatti, oltre che testimone di tempi ormai remoti, è stata anche direttamente coinvolta nella vita della famiglia: cameriera personale di Hannah, fin da bambina aveva servito come domestica a Riverton Manor. Dapprima riluttante, accetta poi di collaborare e comincia a rievocare le vicende dei giovani Hartford, destinati a un'esistenza tanto fulgida quanto breve: il promettente David, partito giovanissimo per il fronte e mai più tornato; la sensuale e intelligente Hannah; la gaia e capricciosa Emmeline; e soprattutto l'enigmatico Robert Hunter, del quale entrambe le sorelle erano innamorate...

Quando si dice che la Morton è una garanzia non ci si sbaglia, di conseguenza non si sbaglia leggendo i suoi libri che ritengo delle perle inestimabili!
Ritorno a Riverton Manor è il libro d’esordio di questa scrittrice ma nessuno lo direbbe mai, se non ne fosse a conoscenza.
Uno stile meraviglioso, ricercato, ricco di particolari; una narrazione che scorre impetuosa senza mai lasciare al lettore la possibilità di incorrere in momenti di noia o di disattenzione; moltissimi personaggi caratterizzati nel dettaglio, con i loro pregi ed i loro difetti e in ultimo ma non in base all’importanza un’ambientazione da mozzare il fiato, degna dei più importanti classici della letteratura di tutti i tempi. Questo libro è tutto questo ed anche molto di più.

Con una maestria da scrittrice navigata la Morton riesce a portarci subito indietro nel tempo insieme a Grace, la narratrice ultra novantenne di questa storia; lei è ormai vicina alla fine della sua vita e sente il bisogno di liberarsi dei suoi segreti prima che sia troppo tardi. Soprattutto da quando Ursula, una regista, la contatta perché sta per realizzare un film che riporterà in vita i suoi fantasmi del passato.
Da ragazzina infatti, all’età di quattordici anni, Grace arrivò a Riverton Manor per lavorare come domestica. Trascorse lì moltissimi anni, poi si trasferì a Londra come domestica personale di una delle figlie di Frederick Hartford, e infine ritornò a Riverton dove si ritrovò ad essere testimone di un tremendo avvenimento: il suicidio del poeta Robert Hunter, un episodio che cambiò per sempre gli equilibri di una famiglia già allo sbando.
Due sorelle - Hannah ed Emmeline – furono testimoni insieme a Grace di quella tremenda disgrazia e niente fu più come prima. Sin dalle prime righe del romanzo Grace ci fa intendere di essere portatrice di un segreto e ci prende per mano per accompagnarci a scoprirlo; un viaggio nel tempo meraviglioso, che attraverso i suoi ricordi ci fa rivivere lo sfarzo dei party dell’aristocrazia londinese degli anni Venti; ci fa visitare le stanze della servitù, con le luci soffuse, le parole sussurrate, le pietanze sul fuoco; ci fa diventare testimoni di amori, amicizie, matrimoni, segreti, decessi. In tutto lo scorrere del romanzo ci si sente protagonisti e mai spettatori delle vicende che ci vengono narrate.
Moltissimi i personaggi – principali e non – che riescono a far breccia nel cuore del lettore, moltissimi quelli che ci si ritroverà ad amare o a disprezzare; nessuno potrà comunque essere considerato una macchietta, un personaggio inserito per allungare il brodo anzi, ognuno avrà uno scopo, una personalità, un passato ed un futuro. Ovviamente le protagoniste indiscusse sono le sorelle Hartford ed il loro amore per lo stesso uomo, due sorelle apparentemente diversissime ma ognuna con il bisogno estremo di trovare un rifugio contro l’insoddisfazione; ma come rimanere indifferenti di fronte ad Alfred? Un domestico della tenuta che si arruola in guerra per cercare una svolta nella vita e che trova invece un baratro - in cui cade - che cambia radicalmente il suo modo di essere e di vivere la vita. Come rimanere indifferenti verso Ursula e la sua dolcezza nei confronti di Grace? Come non attendere impazientemente il ritorno di Marcus, nipote di Grace, cui lei registra cassette rivelandogli tutti i suoi segreti?
Un’autrice dalle mille risorse la Morton, che anche in questo suo primo lavoro non manca di finire la sua storia col botto, regalandoci un colpo di scena da urlo che ribalterà ogni possibile aspettativa!

Un’unica cosa non riesco proprio a mandare giù: un fatto riguardante la vita di Grace che ci viene rivelato ma che resta un po’ in sospeso, che avrei voluto fosse maggiormente approfondito o reso più essenziale nella storia. Per il resto promozione assoluta e la voglia di leggere tutto di questa autrice!!!

 VOTO: 












12 commenti:

  1. Come sai su questo libro ci troviamo d'accordo su quasi tutto (a me il personaggio di Emmeline non è andato giù dall'inizio), soprattutto per quanto riguarda l'ultima annotazione da te scritta... sembra quasi che la Morton si sia scordata di dare più informazioni su quel punto. Anche se, pensandoci a freddo, forse l'ha voluto soltanto utilizzare come un escamotage per far sì che Grace si legasse di più ad Hannah... bisognerebbe intervistare la Morton e chiederglielo! Provvedi Dany :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahahahah ma magari!
      Ti ringrazio per la stima ma la vedo dura! ;)

      Elimina
  2. Ciao! Grazie per essere passata da me e con piacere ti seguo! Mi ha colpito molto questa recensione perchè ho letto anche io la Morton, anche se non questo romanzo e mi sono ritrovata perfettamente nelle tue parole, soprattutto riguardo lo stile ricercato, elegante, particolare e la capacità di creare atmosfere davvero intense.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Benvenuta nel mio mondo!
      Io prima di questo ho letto L'ombra del silenzio ma ho già comprato tutti i suoi lavori e pian piano li leggerò tutti perché è sicuramente una delle scrittrici contemporanee che più ammiro!

      Elimina
  3. Ciao, non vedevo l'ora di ricambiare la visita e ti seguirò anche io d'ora in poi :)
    Ho letto con estremo interesse questa recensione, perché la Morton è un'autrice che non conosco affatto. Ho intravisto i suoi libri ogni tanto, che da un lato mi parevano interessanti ma dall'altra temevo fossero quasi degli harmony un po' più raffinati. Immagino sia colpa delle copertine, se ho avuto queste impressioni a quanto pare sbagliatissime. La tua recensione mi è piaciuta molto, mi ha dato un'idea chiara di cosa potrei aspettarmi da questo libro, la cui trama sembra molto nelle mie corde. Se mai mi capiterà davanti all'usato, darò una chance a questa scrittrice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, forse le copertine, soprattutto quelle in versione pickwick, possono trarre in inganno ma ti assicuro che tra la Morton e gli Harmony c'è più che un abisso!!! Se ti capita dalle una possibilità e poi fammi sapere! ;)

      Elimina
  4. Ciao!
    Non ho mai letto niente di quest'autrice nonostante ne abbia sentito parlare sempre molto bene. Penso proprio che mi deciderò a darle una possibilità :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ecco, direi che non puoi più aspettare! ;)

      Elimina
  5. Ciao, grazie di essere passata da me e di esserti iscritta, ricambio molto volentieri ^_^
    Non conoscevo questa autrice, ma la trama di questo libro mi intriga parecchio! Ho segnato il titolo e sicuramente ci farò un pensierino!
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao! Benvenuta! Se leggerai qualcosa della Morton torna a farmi sapere! ;)

      Elimina