venerdì 31 ottobre 2014

Chi ben comincia #59 - L'ombra del vento di Carlos Ruiz Zafon

Ciao a tutti e buon venerdì!!!! Giornata - o meglio serata - speciale quella di oggi visto che praticamente ovunque si festeggerà Halloween! Il mio bambino non vedeva l'ora questa mattina di andare all'asilo visto che sapeva che avrebbero fatto festa e questa sera alta baldoria a casa di amici, la sua gioia! E voi, come state? Vi travestirete o siete di quelli che non amano questa festa? Per Chi ben comincia di oggi -  la rubrica ideata da Alessia del blog Il profumo dei libri - ho pensato di cercare un libro con ambientazione adatto alla giornata!
___________________________________________________

Non vi trascriverò l'incipit di un libro dell'orrore ma quello di un libro la cui ambientazione è comunque molto particolare. Sto parlando de L'ombra del vento di Carlos Ruiz Zafon, edito da Mondadori. Molti di voi conosceranno alla perfezione questo libro e la storia meravigliosa. E' una di quelle letture che rifarei sempre ma visto che il tempo manca mi accontento dell'incipit!

REGOLE:

- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
- Scrivete titolo e autore per chi fosse interessato
- Aspettate i commenti



Il Cimitero dei Libri Dimenticati

Ricordo ancora il mattino in cui mio padre mi fece conoscere il Cimitero dei Libri Dimenticati. Erano le prime giornate dell'estate del 1945 e noi passeggiavamo per le strade di una Barcellona prigioniera di un cielo gri-
giastro e di un sole color rame che inondava di un calore umido la rambla
«Daniel, quello che vedrai oggi non devi raccontarlo a nessuno» disse mio padre. «Neppure al tuo amico Tomás. A nessuno.»
«Neanche alla mamma?» domandai sottovoce. 
Mio padre sospirò, offrendomi il sorriso dolente che lo seguiva sempre
«Ma certo» rispose mesto. «Per lei non abbiamo segreti.»
Subito dopo la guerra civile, il colera si era portato via mia madre. L'avevamo sepolta a Montjuïc, sotto una pioggia battente, il giorno in cui compivo quattro anni. Ricordo che quando chiesi a mio padre se il cielo piangeva gli mancò la voce. Sei anni dopo, l'assenza di mia madre era ancora un grido muto, un vuoto che nessuna parola poteva colmare. Mio padre e io abitavamo in un piccolo appartamento di calle Santa Ana, vicino alla piazza della chiesa, sopra la libreria specializzata in edizioni per collezionisti e libri usati che era stata del nonno, un magico bazar che un giorno sarebbe diventato mio, diceva mio padre. Sono cresciuto tra i libri, in compagnia di amici immaginari che popolavano pagine consunte, con un profumo tutto particolare. Da bambino, prima di addormentarmi raccontavo a mia madre come era andata la giornata e quello che avevo imparato a scuola. Non potevo udire la sua voce né essere sfiorato dalle sue carezze, ma la luce e il calore del suo ricordo riscaldavano ogni angolo della casa e io, con l'ingenuità di chi conta ancora gli anni sulle dita delle mani, credevo che se avessi chiuso gli occhi e le avessi parlato, lei mi avrebbe ascoltato, ovunque si trovasse. A volte mio padre mi sentiva dal soggiorno e piangeva di nascosto.
___________________________________________________
 
Adoro adoro adoro questo libro e l'atmosfera che subito si respira!!!!
E voi? Lo conoscete? Se non lo avete già letto dovete rimediare velocemente!!! :)))

giovedì 30 ottobre 2014

Tag: Le quattro stagioni

Ciao amici! Oggi girovagando tra i blog che seguo ho trovato un Tag carinissimo che ha pubblicato Francy di Never say book e che anche lei ha pescato in rete. E' un Tag che non ha a che fare con i libri ma che mi ha subito colpito. Ho deciso di farlo per scacciare un po' la noia di questo giovedì!!!
Siete pronti? Viaaaaaaaaaaaaaa...


INVERNO

1. Cosa ti piace di più dell'inverno?
Mi piacciono i week end in casa, sul divano, con una bella copertina morbidosa ed in mano un libro da una parte e una tazza di tè dall'altra! 
2. Hai mai letto un libro davanti a un camino?
Davanti al camino non mi sembra, l'ho letto molte volte davanti alla stufa nella casa in montagna dei miei suoceri.
3. Hai mai fatto un angelo nella neve?
Sììììììììììììììììì, quando sono in montagna con la neve altissima e non calpestata non riesco a resistere!!!
4. Hai mai visto la slitta di Babbo Natale?
Certo, tutti gli anni, al centro commerciale dove vado a fare compere c'è il vero, lui, l'unico originale Babbo Natale!!!! ahahahahahahahahah
5. Di che colore è il tuo cappotto preferito?
In realtà non ho grandi quantità di vestiti, preferisco comprare libri! Ho un unico piumino che uso in inverno ed è marrone scuro. Lo adoro!!!
6. Quante volte fai lo shampoo in inverno?
Bohhhh, che domande... dipende!!! Se vado a sciare tutti i giorni altrimenti ogni tre giorni più o meno.
7. Qual è il film di Natale che preferisci?
In realtà non è un vero e proprio film di Natale ma è un cartone animato che nel periodo natalizio rifanno ogni anno ed io non aspetto altro! Si tratta de La spada nella roccia!
8. Hai mai mangiato un gelato in pieno inverno?
Sì, un sacco di volte.
9. Panettone o pandoro?
Da milanese dovrei dire panettone invece odio uvette e canditi quindi pandoro tutta la vita!!! 
10. Di che colore è la tua sciarpa preferita?
Ho diverse sciarpe ma quella che adoro indossare in inverno è nera, di lana, morbida e lunghissima!

PRIMAVERA

1. Cosa ti piace di più della primavera?
Mi piacciono le giornate che cominciano ad allungarsi e che permettono di vivere la giornata un po' più a fondo facendomi uscire dal letargo!
2. Qual è il tuo fiore preferito?
Non sono un'amante di un genere di fiore in particolare... di sicuro preferisco le cose semplici quindi magari una bella gerbera è più adatta che una rosa.
3. Che colori associ a questa stagione?
In realtà non ci ho mai pensato. Forse un miscuglio di colori sgarcianti: verde, azzurro, rosa, giallo!
4. Tagli spesso i tuoi capelli in questo periodo?
Da ormai un anno e mezzo a questa parte ho i capelli molto corti - prima li ho dempre avuti lunghissimi - quindi mi tocca andarli a tagliare spesso, anche nelle altre stagioni.
5. Quand'è che per te inizia la primavera?
Marzo è il mese che amo di più perchè si vede proprio la differenza tra le fredde e buie giornate di inverno a quelle più luminose e meno gelide.
6. Quale odore la descrive meglio?
Anche se non è un odore che amo particolarmente direi l'odore dell'erba tagliata.
7. Raccogli mai fiori per seccarli e conservarli?
Quasi mai... mi capito solo se avvisto un quadrifoglio!
8. Ti piace fare passeggiate?
Sì mi piace abbastanza.
9. Ti sei mai ustionato in questo periodo?
No, non mi è mai capitato forse perchè è difficile che io in questo periodo prenda il sole.
10. Che cibo ti ricorda la primavera?
Non saprei, non c'è un cibo particolare.

ESTATE

1. Cosa ti piace di più dell'estate?
Il mio compleannoooooooo!!! Che ovviamente significa un carico di nuovi libri hihihihihihi
2. Qual è il tuo frutto preferito?
Non mangio moltissima frutta in generale ma diciamo che l'estate è la stagione dei miei frutti preferiti. Quello che mi piace più di tutti è il melone.
3. Preferisci il mare o la piscina?
Mare tutta la vita.
4. Ti piace andare ai parchi acquatici?
Non sono una grande amante dei parchi acquatici, più che altro che per me - che non faccio nessuno scivolo perchè so stare a galla ma ho paura dell'acqua - è proprio uno spreco di soldi.
5. Qual è la tua bevanda preferita?
Bevo solo acqua, rigorosamente naturale.
6. Cosa non sopporti invece di questa stagione?
Odio con tutta me stessa le zanzare: esseri inutili e fastidiosi!!!!!
7. A che ora vai a dormire?
Normalmente alle 23 al massimo sono a letto anche d'estate.
8. Ti piace andare in montagna?
Non sono un'amante della montagna ma se proprio devo andarci la preferisco sicuramente d'inverno, in camper, con la neve!
9. Che tipo di costume indossi?
Bikini
10. In che modo trascorri le tue giornate?
A parte quando sono in vacanza l'estate purtroppo è una stagione come un'altra: si lavora! sighhhhh 

AUTUNNO

1. Cosa ti piace di più dell'autunno?
I colori della natura in questa stagione sono splendidi!
2. Qual è il tuo dolce preferito?
Dolce autunnale non saprei, dolce generico preferito la millefoglie o il tiramisu - ma il tiramisu rigorosamente fatto in casa e non comprato!
3. Festeggi Halloween?
Per forza, con un bimbo di quattro anni che non pensa ad altro da un mese non potrei fare diversamente.
4. Hai mai fatto dolcetto o scherzetto?
Io personalmente no, non sono mai andata in giro per le case a farlo. Ho qualche volta aperto la mia porta a dei nanetti festaioli!!!!
5. Che cosa non ti piace dell'autunno?
Le giornate che si accorciano :((((((((((((
6. Di che colore è il tuo ombrello?
In realtà non ho un ombrello mio mio mio, i nostri ombrelli sono familiari e sono multicolori. Giganteschi ombrelli multicolori!!!
7. Preferisci un autunno freddo o uno caldo?
Sono un leone quindi amo il caldo!
8. Quand'è che per te inizia l'autunno?
Quando, come pochi giorni fa, cambia l'ora!
9. Ti piace andare a scuola?
Ormai non ci vado più da XXXXX anni, però mi piaceva molto e tornerei volentieri indietro!
10. Che scuola fai/hai fatto?
Liceo artistico e poi Università Facoltà di Architettura. Povera me, penso sempre che sarebbe stato meglio fare altro ma ormai...


_____________________________________ 

Ecco fatto, spero di non avervi stancato. Ovviamente siete tutti taggati!!!! :))) 
Un bacio e una buona giornata! Dai, dai, che domani è venerdi!!! Possiamo farcela!! ahahahhahahah 

mercoledì 29 ottobre 2014

Recensione #32/2014 - I love Shopping a Hollywood di Sophie Kinsella

Buongiorno amici! Come state? Io sono di corsa come al solito ma posso farcila... penso positivo! Avrei dovuto pubblicare questa recensione la settimana scorsa ma poi ho avuto tutti gli altri post del Blogger Love Project e, per non accavallare tutto, ho preferito farla slittare di qualche giorno.
Il mio pensiero di oggi è su un libro che ho desiderato non appena è stato pubblicato: I love shopping a Hollywood di Sophie Kinsella, edito da Mondadori, pag. 383.

Sinossi: Becky è tornata! Becky Bloomwood non sta più nella pelle, si è appena trasferita con la piccola Minnie nientemeno che a Hollywood, per stare al fianco del marito Luke che ha una nuova importante cliente, Sage Seymour, l'attrice del momento, di cui lui curerà carriera e immagine. Per Becky è un sogno che si trasforma in realtà, ed è più che comprensibile che sia molto gasata: è convinta infatti che d'ora in poi potrà dare una svolta decisiva al suo lavoro di personal shopper per diventare invece la personal stylist di Sage... e perché no, la stilista più acclamata e ricercata da tutte le star... E poi ci sono così tante cose da fare e da vedere! Per fortuna arriva a darle una mano Suze, la sua fedele amica di sempre, che decide di raggiungerla con il marito. Tra location alla moda, red carpet, centri di meditazione e yoga per multimilionari e set cinematografici, Becky non vuole perdersi niente, d'altra parte non esiste solo lo shopping, ma spinta da troppo entusiasmo finisce per complicarsi la vita alleandosi con la grande rivale di Sage. Luke non lo sa, naturalmente, e Hollywood non perdona. Ben presto Becky scopre che le cose non sono affatto come sembrano. Riuscirà ancora una volta a tirarsi fuori dai guai grossi nei quali si è cacciata?

Becky è tornata. Dopo anni di silenzio dall'ultima sua avventura la ragazza più spendacciona di Inghilterra fa ancora parlare di se. Una grande curiosità ha accompagnato l'uscita di questo libro perchè, diciamocelo, ormai Becky ha fatto shopping praticamente in ogni parte del globo! 
La domanda che più mi assillava prima di leggere questo libro era: riuscirà Sophie Kinsella al suo settimo libro della serie a tenere ancora incollato il lettore alle pagine? Riuscirà a trovare una trama avvincente che non faccia pensare che è sempre la solita storia?
Domande a cui ora riesco a dare delle risposte.
Per quanto riguarda l'interesse del lettore posso dire che sì, lo stile della Kinsella non stanca ed è riuscita a tenermi incollata alla lettura dalla prima all'ultima pagina. Forse un po' più di interesse l'ho avuto per la prima parte ma nel complesso è un libro che, come gli altri precedenti, si legge veramente bene e con velocità.
Per quanto riguarda invece la trama avvincente... ni...
In questo I love shopping c'è pochissimo shopping e moltissimo cinismo. Di sicuro Becky è sempre stata un po' poco incline a tener conto dei sentimenti degli altri ma in questo libro direi che esagera proprio e diventa un po' antipatica. La svampita, compratrice compulsiva delle "puntate" precedenti - quella che non si capisce bene se ci è o ci fa - qui ci è proprio e diventa quasi una calcolatrice, stronza e insensibile. Difficile non arrivare a pensarlo almeno una volta durante la lettura, difficile non compatire Luke - che io ho sempre adorato - per aver scelto una moglie così!
Ma non è questa la cosa che mi ha urtato del libro.
Come sapete se un po' avete imparato a conoscermi, quello che mi urta di più di un libro è il finale aperto; non lo sopporto nelle saghe figuriamoci in un libro come questo, che è sì legato ai precedenti ma non necessariamente. E invece taaaaccccc, facendo la cosa più commerciale che potesse essere fatta, la Kinsella inserisce qui un finale apertissimo, praticamente inesistente visto che la questione su cui verte tutto il libro rimane nel limbo dei libri non ancora scritti, rimandandoci apertamente alla prossima puntata. 
Ma mi chiedo: ce n'era proprio bisogno?  E' vero che il lettore dovrà aspettare di comprare il prossimo volume per sapere quale sarà l'epilogo della questione ma mi sembra un mezzuccio da emergente e non da  una che ogni volta che pubblica un libro schizza nelle top ten di tutte le classifiche.
Forse la paura che Becky sia arrivata al capolinea ha annebbiato un po' i pensieri dell'autrice, non saprei, so solo che consiglio assolutamente di aspettare l'uscita del prossimo libro prima di leggere questo se non volete rimanere così: 


E voi lo avete già letto? Mi piacerebbe confrontarmi con altri per capire cosa sia successo. Ovviamente cercate di evitare spoiler espliciti qui nei commenti per correttezza verso chi deve ancora leggerlo! Se volete spoilerere c'è la mail unlibroperamico.dany@gmail.com sempre a vostra disposizione!

VOTO:  


martedì 28 ottobre 2014

Chi bussa? #14

Buonasera lettori! Cosa mi raccontate di bello? Io è tutto il giorno che litigo con un cavo di rete che non ne vuole sapere di essere riconosciuto dal PC, non sapete che fatidio!!!
Per il resto tutto tranquillo, normale amministrazione!
Ora che il Blogger Love Project è finito mi sembra quasi di avere troppo tempo libero!!! Quindi ho pernsato di dare spazio a Chi bussa? la rubrica dedicata alle segnalazioni di autori emergenti.
Pronti a vedere Chi bussa? oggi?
_____________________________________________________

Titolo: Fino alla fine della rete
Autore: R.V. Beta

Genere: Narrativa
Pagine: 255
Costo: ebook 2.68, in vendita su Amazon
Pubblicazione: autopubblicato

Visualizzazione di copertina.jpgSinossi: Yuuki è una ragazza scappata di casa per vivere sulla propria pelle un’irrefrenabile curiosità per la vita e la tecnologia.
La sua ultima impresa di pirateria informatica l’ha riportata bruscamente dal mondo virtuale a quello reale, e ora è un obiettivo.
Daisuke è dotato di una fervida immaginazione, con la quale sconfigge le noiose giornate da impiegato di una multinazionale.
Qualcosa di speciale unisce Yuuki e Daisuke nella fuga che affronteranno insieme, o almeno così è come la vede lui.
L’inizio di una nuova vita per entrambi è una seconda occasione, la possibilità di lasciarsi tutto alle spalle, se troveranno la forza per sfidare gli incubi che li circondano.
Il debutto di R.V. Beta è il diario di viaggio di un gruppo di personaggi che dovranno presto imparare a non darsi mai per vinti, perché la realtà non è mai una sola...
Esistenze per nulla ordinarie e nessuno di cui potersi fidare fino in fondo: un invito a cambiare prospettiva.

Autrice: Passo gran parte del mio tempo aspettando che si installino gli aggiornamenti della PS3.
Ho a casa un Oculus Rift ancora imballato, mentre i pupazzetti di vinile sono riuscita a tirarli fuori dalle loro scatole.
Non sopporto quando si fulmina la lampada del semaforo e non so se posso attraversare.
Ho scoperto che il sushi non ingrassa, consiglio il tonno che ha più gusto del salmone.
Non capisco che gusto ci sia a mangiare la pannocchia fritta.
Le rare volte che vado alle giostre e c’è lo stupido carrellino che porta nel tunnel dell’orrore, tengo gli occhi chiusi.
Vorrei iniziare a fumare, ma non ne ho il coraggio.
Mi immagino di entrare un giorno in un negozio di elettrodomestici e tutte le televisioni mi salutano facendo il mio nome.
Non mi dispiacerebbe lavorare al riciclaggio della carta, rubando dal calderone frammenti di fogli per farmi un collage da attaccare al muro, tipo soggetto pericoloso.
Mi ispira Minecraft, ma temo di perdermi dentro. Secoli fa facevo da balia a un Tamagotchi non mio, e non so perché tendevo a trattarlo male: ho ancora i sensi di colpa.
Internet è invasa dai gatti, ma anche gli unicorni cercano attenzione a tutti costi.
Non so cosa si nasconde sotto la sabbia della spiaggia.
Sito dell'autrice  http://www.rv-beta.com
_____________________________________________________

Cosa ne dite? A me sembra un libro molto particolare e diverso dal solito!

lunedì 27 ottobre 2014

Blogger Love Project: Day Nine Event wrap-up!

Buon pomeriggio amici e buon lunedì! Siamo arrivati alla giornata di chiusura del Blogger Love Project dove tireremo le somme di quello che è successo in questi 15 giorni! Esperienza super positiva per quanto mi riguarda ed ora vi spiegherò in dettaglio cosa sono riuscita a fare.


Day Nine : Event wrap-up!

E siamo arrivati alla fine del Blogger Love Project! In questo post conclusivo tireremo le somme dell'iniziativa e faremo un recap di quello che abbiamo fatto in questi giorni, e ovviamente vi chiederemo le vostre opinioni! Cosa vi è piaciuto di più? Cosa avreste voluto vedere? Cosa avreste cambiato? Avete raggiunto i vostri obiettivi?

Per due settimane la blogosfera si è animata di Tag e Challange per dedicare ai nostri blog e ai blog che amiamo quel tempo che spesso manca. Come dicevo prima è stata un'avventura assolutamente positiva e sono felice di quello che sono riuscita a fare in questi 15 giorni! Ovviamente non sono stata in grado di portare a termine tutti gli obiettivi che mi ero prefissa ma sono molto soddisfatta perchè ho realizzato alcune delle cose che ritenevo più importanti. 

Qui sotto troverete quelli che erano i miei obiettivi; colorati di rosso quelli che ancora devono essere realizzati ed in verde quelli che sono stati in parte o del tutto completati.
  1. Ho tantissime richieste di segnalazioni da parte di emergenti che vorrei smaltire: sono riuscita a pubblicare 2 segnalazioni e mi ritengo soddisfatta anche se ho ancora molto lavoro da fare.
  2. Scrivere qualche recensione arretrata, non me la sento di azzardare un numero: ho scritto un paio di recinzioni ma entro oggi sono riuscita a pubblicarne una sola. Alla fine i giorni sono pochi e i post per il blogger Love Project erano tantissimi ed ho preferito dare la precedenza a quelli e non accavallare troppi post in una sola giornata.
  3. Seguire maggiormente i blog che amo: ho letto tantissimo gli altri blogger, sia i post dedicati a questa iniziativa che i loro post dedicati alla normale organizzazione dei loro angolini!
  4. Conoscere nuovi blog da seguire e nuove/i blogger con cui chiacchierare: ho scoperto tantissimi nuovi blog che ho seguito in questi giorni e che continuerò a seguire in futuro!
  5. Cercare di non acquistare nuovi libri: voi non ci crederete ma ce l'ho fattaaa!!!! Tutti i libri che sono entrati nella mia libreria in questi 15 giorni sono stati o gratuiti - grazie ad offerte su amazon - o regalati! Michy dillo che non ci avresti mai creduto!!!!!! :))))
  6. Commentare, commentare, commentare i post che più mi piacciono: ho commentato ma, per colpa di una settimana super impegnativa, non ho commentato quanto avrei voluto.
  7. Dare finalmente vita ad una rubrica a cui penso da un anno: non ce l'ho proprio fatta ma spero di riuscire presto.
  8. Trovare una nuova rubrica da condividere con un'amica blogger speciale: anche questo è un punto su cui mi devo ancora applicare. Quando si vuole fare una cosa speciale non bisogna avere fretta ma è necessario prendersi il tempo che serve!
  9. Portare a termine una ricerca complicata e dolorosa per la prossima puntata della rubrica Ritratto di signora: ricerca assolutamente fruttuosa la mia che devo ancora organizzare ma sono proprio ad un buon punto e penso - che modesta! - di aver fatto un buon lavoro! Se siete curiosi vi aspetto il 3 novembre per la puntata della rubrica.

Ed ora le tappe del Blogger Love Project a cui speravo di riuscire a partecipare. Userò lo stesso sistema e cliccando sui titoli sarete rimandati ai vari post nel caso ve li foste persi!

Ed ora le tappe minime a cui spero di riuscire a partecipare:

Day Two: Before I was blogger + 10 libri scopert grazie al blog

  • Com'era la vostra vita letteraria prima di aprire un blog?Come sceglievate i libri da leggere?Quali erano i vostri libri preferiti?
  • Fate una Top Ten dei libri che avete scoperto grazie al vostro blog o ad altri blogger!
Day Two: Following Chain - non sono riuscita a creare il post anche se ho commentato in giro
  • Visitare e/o lasciare un commento su un qualsiasi blog, che sia nuovo per voi o che non visitate da tanto tempo e in cambio quel blogger dovrà visitare il vostro! Se non avete un blog potete usare questo spazio per commentare i vostri blog preferiti o scoprirne di nuovi.
Day Three: Share your (blogger) love. Favourite NON-BOOKISH Blogs
  • Allontaniamoci un attimo dai libri e concentriamoci sul resto della Blogosfera! Quali sono i vostri blog preferiti che non trattano di libri! Perchè li seguite e cosa vi piace di più dei loro post?
Day Three10 consigli per i nuovi blogger  - questa tappa non era in programma e invece sono riuscita a partecipare! Felicissima!!!
  • Ogni blogger sa quanto i primi tempi nella blogosfera siano difficili, e da qui nasce il tag 10 consigli per i nuovi blogger
 Day Four: My reading spot + Re-Reading
  • Dove quando e come leggete? Descrivete il vostro tipico “reading spot”!
  • Cosa ne pensate delle riletture? Quali libri avete riletto nell'ultimo anno?Quali sono i libri che vorreste rileggere?
Day Five: Life outside the books
  • L'obiettivo di questa attività è di scrivere un post più personale sulla nostra vita al di fuori dei libri, su una nostra passione in particolare ecc. Insomma mettere un attimo i libri da parte e concentrarci sul blogger che sta dietro ai post e alle recensioni!
Day Six: Guilty Blogger Tag
  • Guilty Blogger Tag-Libri che praticamente tutti ti hanno consigliato ma che tu non hai ancora letto!
Day Eight: Rainbow Challange
  • Prendi 7 libri dalla tua libreria, uno per ogni colore dell'arcobaleno!Fai una pila e scatta una foto!Non dimenticare di condividere il risultato su facebook e/o twitter con l’hashtag @bloggerloveproject :D
Day Nine : Event wrap-up! - Eccoci qui!!!!!!!


Ecco fatto, questo è tutto!
Cosa cambierei? Assolutamente nulla!!! I quindici giorni hanno dato il tempo di partecipare con tranquillita anche a chi, come me, lo scorso anno non aveva partecipato per mancanza di tempo quindi ho giocato, mi sono divertata ed ho conosciuto tanti altri bei blog... sono super soddisfatta!
In più credo di essere riuscita a far venir fuori un po' di più quella che sono io nella vita di tutti i giorni, cosa che normalmente non posso fare per non annoiarvi! Al prossimo anno quindi!!! :)))
E voi? Siete riusciti a partecipare? Chi non ha un blog avrebbe voluto vedere altro dai nostri post? Ditemi tutto che sono curiosa!

domenica 26 ottobre 2014

Il decalogo delle Book Blogger

Buongiorno miei cari e buona domenica! Una domenica dove tutti noi avremo un'ora in più per leggere quindi il top!!!
Oggi sono qui per questo post improvviso per condividere con voi un'idea che è venuta fuori dalle chiacchiere giornaliere di 5 blogger pazzerelle e più precisamente Cuore, Laura, SalviaStefania e ovviamente la sottoscritta! Amiche di blogger e super chiacchierone, spesso ci scambiamo i pareri - oltre che ovviamente sulle nostre letture - su cosa significhi avere un blog e quale sia il miglior comportamento da tenere con autori, case editrici e lettori. Da queste chiacchiere divertentissime è saltato fuori il nostro decalogo della book blogger!
Questo decalogo sarà, d'ora in poi, visibile sui nostri blog e potrà essere adottato da chiunque vi si ritrovi; l'unica accortezza che vi chiediamo è di citarne la fonte!

Il DECALOGO DELLE BOOK BLOGGER
Perchè anche noi abbiamo dei diritti
a cura di Cuore Zingaro, Daniela, La Libridinosa, Salvia e Stefania

1. Diritto a scegliere i libri da recensire: se un titolo o un genere non ci piace possiamo, e dobbiamo, sentirci libere di rifiutare.
E' vero, siamo blogger ed adoriamo leggere, ma adoriamo leggere quello che ci piace! Nessuno ci paga per quello che facciamo, nella vita abbiamo un lavoro, una famiglia, degli amici, degli interessi e questo non può diventare per noi il secondo lavoro. La lettura è e deve continuare ad essere il nostro svago e se un libro non ci attira, la trama non ci piace, o il genere non è di nostro gradimento, nessuno può offendersi o insistere affinchè noi cambiamo idea!

2. Diritto all'onestà, a scrivere recensioni veritiere.
Capisco che ricevere una recensione negativa non piaccia a nessuno e capisco anche che voi autori o voi case editrici crediate con tutti voi stessi al lavoro che ci avete proposto, ma se noi lo leggiamo e non ci piace abbiamo tutto il diritto di esprimerlo. C'è chi lo farà con più o meno ironia a seconda del proprio modo di essere ma noi blogger abbiamo il diritto, e soprattutto il dovere, di dire quello che realmente pensiamo senza pensare di ricevere insulti da un autore che si ritiene il nuovo Dante della letteratura moderna! E concedetemelo, se il nostro blog era tanto carino ed apprezzavate il nostro modo di recensire prima di una bocciatura, poi non possiamo diventare improvvisamente delle capre ignoranti che non sanno quello che dicono!

3. Diritto alla diplomazia, ad aggiungere un tocco di bon ton ai nostri reali pensieri, soprattutto quando sono particolarmente nefasti.
Non sapete quante volte ho avuto la voglia di dire: QUESTO LIBRO FA SCHIFO! PUNTO! E invece no, non posso e non voglio neanche. Anche se in quel momento mi tocca alleggerire un po' il mio pensiero e non essere totalmente onesta è giusto che io non arrivi ad essere così categorica. Perchè magari è il momento sbagliato per me per leggere un determinato libro, perchè magari a qualcuno può piacere ed io non sono nessuno per decidere che debba essere il contrario. Insomma un po' di bon-ton ci vuole, anche se sapete che di solito, con molta educazione, si capisce benissimo se il libro non mi è proprio piaciuto!

4. Diritto di essere contattate da autori che conoscono la grammatica italiana.
Cari, carissimi autori... entrando nel nostro blog non siete finiti nell'accademia della crusca, però non potete neanche pensare di scrivere mail sgrammaticate, con ORRORI di ortografia e senza una costruzione logica delle frasi. Secondo voi, quando accadono queste cose, pensate che a noi possa anche lontanamente sfiorare l'idea di leggere un vostro libro? Magari una saga suddivisa in 5 volumi di 400 pagine ciascuno??? Assolutamente no, perchè ci piangono gli occhi quando iniziamo a vedere in giro i qual è scritti con l'apostrofo, i verbi avere scritti senza h e l'articolo li tramutato in gli. Vi prego, vi prego, vi prego, se vi è venuta in mente una bella storia ma non conoscete l'italiano lasciate che rimanga solo una storia nella vostra mente: scrivere un libro non è da tutti.

5. Diritto di essere contattate da autori e case editrici che prima di inviare le email abbiano visionato almeno una volta il nostro blog per capire quale genere di libri leggiamo.
Chi segue il mio blog sa che leggo quasi tutto, ma sa anche che prediligo i thriller e non amo i fantasy e i libri adolescenziali - perdonatemi ho una certa età - quindi che senso ha chiedermi continuamente di recensire fantasy e young adult??? Non ne ha e se leggeste il mio blog almeno una volta  lo sapreste!

6. Diritto a ignorare le email copia-incolla.
Trovarsi la casella di posta elettronica invasa di mail copia incolla, o addirittura di mail cumulative è una cosa che fa venire un nervoso che neanche immaginate!
Mi volete scrivere una mail? Almeno un "Ciao Dany" prima non sarebbe sgradito! E non scrivete che conoscete il mio blog, che credete che sia bellissimo e che apprezzate quello che scrivo e poi mi proponete di recensire... un fantasy!! Da questo si vede che il mio blog non lo conoscete proprio. 
Non chiamatemi redazione o ufficio stampa...sono Dany o Daniela punto!
E poi perdonatemi ma non mandatemi una mail senza neanche un saluto, con scritto direttamente: invio copia pdf libro per recensione. 
Chi ti ha detto che io abbia voglia di leggere e recensire il tuo libro? Magari chiedere precedentemente se mi interessa, perdendo anche il tempo di inserire nella mail una trama e non un link a cui collegarsi per vedere di che libro si tratta, sarebbe educato!

7. Diritto a ignorare email scritte come sms.
Perchè e non xke, quando e non qnd, comunque e non cmq... se siete autori e volete pubblicizzare il vostro libro non potete pensare di proporvi con una mail che sembra un codice fiscale!

8. Diritto ad essere contattate tramite email quando qualcuno vuole conferirci un premio, farlo tramite commento non è per niente la stessa cosa.
Diciamocelo, a volte i premi che girano nella blogosfera vengono conferiti assolutamente a caso. Quando succede ci si ritrova un commento in un post con: sul mio blog c'è un premio per te.
Non dico che i premi non siano graditi anzi, se sentiti sono la cosa più bella che un altro blogger possa fare nei nostri confronti ma quando sono solo per farmi correre a vedere il vostro blog no grazie... lasciate pure stare! Meglio un premio in meno ed un commento inerente al post in più, che per un blogger è il premio più bello!

9. Diritto a non rispondere ai commenti del tipo: "Ci seguiamo a vicenda? Io seguo te e tu segui me?"
Credetemi se vi dico che questa è una cosa che odio, che non capisco e che non farò mai! Qui sul blog magari capita meno ma sulla pagina facebook del blog queste cose sono all'ordine del giorno. Perchè chiedermi di diventare vostra follower e quando io vi dico che sono cose che non faccio voi mi rispondete: "ma io mi sono unita/o al tuo!" E quindiiiiiiiii??? Se a voi piace il mio blog non è detto che a me piaccia il vostro, e se a voi interessa avere tanti follower e neanche una persona che vi segua perchè vi stima non è detto che tutti la pensino così. Se un blog mi piace sarò la prima a seguirlo con costanza e a fargli anche pubblicità! Avere tanti follower non è sempre sinonimo di essere ritenuti interessanti, quindi mi accontento dei miei pochi ma buoni - a proposito grazieeeeeeeee! Siete diventati più di 200! - che mi seguono e commentano con affetto i miei post!

10. Diritto ad essere seguite da persone che, se apprezzano il nostro blog, si prendano il disturbo di cliccare su "Segui questo sito".
Se è brutto avere follower finti che si uniscono solo sperando di essere ricambiati è allo stesso modo brutto che chi segua costantemente il nostro blog, magari anche commentando, non abbia voglia di cliccare quella piccola scritta blu "Segui questo blog". Bastano 10 secondi ed il gioco è fatto!

Ecco fatto, questo è tutto! Cosa ne pensate? Siete d'accordo con noi? VI ricordo che potete adottare il decalogo in caso vi piaccia; vi chiediamo solo di citarne la fonte!

sabato 25 ottobre 2014

Blogger Love Project: Day Eight Rainbow Challange

Buon pomeriggio carissimi! Eccoci di nuovo qui con un puntata del Blogger Love Project, l'ottava! Ho saltato la settima tappa per mancanza assoluta di tempo ma oggi, nonostante in questo momento io sia in giro per Milano con delle amiche blogger , non potevo mancare quindi ho programmato in precedenza questo post. Cominciamo con i compiti di oggi!


Day Eight : Rainbow Challange 
Prendi 7 libri dalla tua libreria, uno per ogni colore dell'arcobaleno! Fai una pila e scatta una foto!Non dimenticare di condividere il risultato su facebook e/o twitter con l’hashtag @bloggerloveproject :D

Mica facile riuscire a trovare un libro per ogni colore! Ecco il mio arcobaleno libroso!!!!!



Rosso
Arancio
The help di Kathryn Stockett

Giallo
Le donne del lago di Lars Rambe

Verde
Blu 
Indaco 
Violetto

Ecco i libri che compongono il mio arcobaleno! Alcuni sono libri già letti - in quel caso sarete rimandati alla recensione cliccando sulla didascalia dell'immagine - altri sono ancora nella infinita pigna dei libri in attesa!
Cosa ne pensate? Se avete fatto la foto al vostro arcobaleno condividete nei commenti il link alla vostra immagine - anche se non avete un blog e l'avete pubblicata su facebook o twitter - e verrò a sbirciare!
Vi auguro buon week end e vi do appuntamento a lunedì per l'ultima puntata del Blogger Love Project.

venerdì 24 ottobre 2014

Chi ben comincia #58 - Il suggeritore di Donato Carrisi

Buongiorno lettori! Come state? Io sono super felice che la settimana sia finita perchè è stata veramente pesante! E poi domani sarà una giornata specialissima perchè incontrerò alcune amiche blogger ed io non vedo l'ora!!! Ma basta parlare dei fatti miei. E' venerdì e come tutti i venerdì è tempo della nostra amata rubrichetta  Chi ben comincia,  ideata dalla carissima Alessia (Aleeeeeeeeeee domani ci vediamooooo!!!! *salta felice per tutta la stanza*) del blog Il profumo dei libri.
___________________________________________________

Questa settimana ho cominciato un nuovo libro che volevo leggere da una vita e che - dicono - un'amante di thriller come me non può non aver letto. Sto parlando de Il suggeritore di Donato Carrisi, edito da Tea. Sicuramente molti di voi avranno già letto questo libro ma, se ancora ci fosse qualche ritardatario come me oggi vi regalo l'incipit!

REGOLE:

- Prendete un libro qualsiasi contenuto nella vostra libreria
- Copiate le prime righe del libro (possono essere 10, 15, 20 righe)
- Scrivete titolo e autore per chi fosse interessato
- Aspettate i commenti


Carcere di                
Distretto Penitenziario n° 45

Report del Direttore, dr Alphonse Bérenger.
23 noc. c.c.

All'attenzione dell'ufficio del
Procuratore Generale 
J.B. Marin

Oggetto: CONFIDENZIALE
 

Gentile signor Marin,

Mi permetto di scriverLe per segnalare lo strano caso di un detenuto.

Il soggetto in questione è il numero di matricola RK-357/9. Ormai ci riferiamo a lui solo in questo modo, visto che non ha mai voluto fornire le proprie generalità.
Il fermo di polizia è avvenuto il 22 ottobre. L'uomo vagava di notte - solo e senza vestiti - in una strada di campagna della regione di             .
Il confronto delle impronte digitali con quelle contenute negli archivi ha escluso il suo coinvolgimento in precedenti reati o in crimini rimasti irrisolti. Tuttavia il reiterato rifiuto a rivelare la propria identità, anche davanti a un Giudice, gli è valso una condanna a quattro mesi e diciotto giorni di reclusione.

Dal momento in cui ha messo piede al Penitenziario, il detenuto RK-357/9 non ha mai dato segni d'indisciplina, dimostrandosi sempre rispettoso del regolamento carcerario. Inoltre l'individuo è di indole solitaria e poco incline a socializzare.
Forse anche per questo nessuno si è mai accorto del particolare comportamento, notato solo di recente  da uno dei nostri secondini.
Il detenuto RK-357/9 deterge e ripassa con un panno di feltro ogni oggetto con cui entra in contatto, raccoglie tutti i peli e i capelli che perde quotidianamente, lustra alla perfezione le posate e il water ogni volta che li usa. Siamo dunque di fronte a un maniaco igienista o, molto più verosimilmente, a un individuo che vuole a tutti i costi evitare di lasciare "materiale organico".

Nutriamo, di conseguenza, il serio sospetto che il detenuto RK-357/9 abbia commesso qualche crimine di particolare gravità e voglia impedirci di prelevare il suo DNA per identificarlo.
___________________________________________________
 
Sono andata un po' lunga ma per arrivare ad un punto decisivo ho copiato quasi tutto il prologo.
Non vi nego che questo inizio mi ha veramente affascinato e incuriosito.
Ci troviamo da subito davanti ad un elemento strano, apparentemente tranquillo ma che, stando alle rivelazioni legate alla maniacale pulizia di ogni cosa, nasconde sicuramente un segreto.
Chi sarà quest'uomo? Che ruolo avrà nella storia? Quale reato può aver commesso in passato?
Ho cominciato questo libro da una settimana e sono solo a pagina 50... aiutooooooooo!!!!!
Non ho avuto per niente tempo di leggere ma spero di rifarmi alla grande nel week end! E poi domani notte ho un'ora in più da dedicare alla lettura visto che si sposteranno indietro le lancette dell'orologio.
Che ne pensate di questo incipit lungo? Vi incuriosisce?

giovedì 23 ottobre 2014

Chi bussa? #13

Buongiorno carissimi come state?
Per prima cosa ci tengo a scusarmi per la mia latitanza ma tra:
  1. Figlio a casa da lunedì per febbre, tosse da anziano fumatore, otite e chi più ne ha più ne metta;
  2. Lavori urgentissimi da finire in due giorni;
  3. Lavori urgentissimi da iniziare 
mi sono eclissata per un paio di giorni! Peccato che quando la gente deve pagare non sia mai così urgente!!! ;)
Ritorno oggi super di corsa con un nuova puntata di Chi bussa?la rubrica dedicata alle segnalazioni di autori emergenti.
I miei buoni propositi per il Blogger love project continuano ad essere portati avanti!!!
Pronti a vedere Chi bussa? oggi?
_____________________________________________________

Titolo: I rami del tempo
Autore: Luca Rossi

Genere: Fantasy
Pagine: 158
Costo: ebook 1.01, cartaceo 7.00 € in vendita su Amazon
Pubblicazione: autopubblicato

Sinossi: Una pioggia di schegge stermina il popolo dell’isola di Turios. Si salvano Bashinoir, gravemente
ferito, sua moglie Lil e la sacerdotessa Miril. Vorrebbero dare degna sepoltura ai propri cari, ma i cadaveri sono scomparsi. L’unica speranza di salvezza risiede nelle protezioni magiche del Tempio. Tuttavia devono far fronte a minacce oscure. Un’ombra infesta i loro cuori per dividerli e distruggerli. I loro corpi sembrano perdere sempre più consistenza. Alla vicinanza tra le due donne si contrappone il sempre più marcato isolamento di Bashinoir.  Nel regno di Isk, maghi e consiglieri devono sottostare all’insaziabile ingordigia di sesso, guerra e potere di re Beanor. L’ultima delle sue giovani mogli, tuttavia, non si dà pace per la libertà e l’amore perduti. Potranno i giochi e gli inganni sotto le lenzuola essere la chiave di svolta di una guerra millenaria?

Autore: Ricerca, scienza, fantascienza, fantasia ed alta tecnologia sono i mondi che Luca Rossi vive e trasferisce nelle proprie opere letterarie.
Crede nel Web come mezzo in grado di avvicinare gli individui e rendere il mondo un luogo più aperto, giusto e democratico. 
Pubblica nel 2013 Energie della Galassia, raccolta di racconti ambientati in un universo che vede mosso non solo dalle leggi della fisica, ma da quelle altrettanto vere dell'eros, della passione, del desiderio e dello spirito.
Il libro viene tradotto e pubblicato anche in inglese, gli vale la menzione tra i 10 migliori autori italiani autopubblicati della prestigiosa rivista WIRED e gli consente di dedicarsi all'attività di autore a tempo pieno.
A marzo del 2014 pubblica il primo volume del romanzo fantasy I Rami del Tempo.
Nel tempo libero ama dedicarsi alla famiglia, andare in bicicletta e passeggiare nella Natura
Per saperne di più:
http://www.lucarossi369.com/2014/02/i-rami-del-tempo.html

_____________________________________________________

Cosa ne pensate? Viste le recensioni super positive che questo libro sta avendo online, se amate i fantasy non credo possiate non averlo nelle vostre librerie! :) 

martedì 21 ottobre 2014

Blogger Love Project: Day Six Guilty Blogger Tag

Cucù! Buonasera carissimi, rieccomi qui, dopo la pausa di un giorno, per un'altro post dedicato al Blogger Love Project, un'iniziativa che chi gravita nella blogosfera dovrebbe ormai conoscere! Se non sapete cos'è, alla vostra sinistra c'è sempre il banner di rimando al post introduttivo.


Day Six : Guilty Blogger Tag
Guilty Blogger Tag-Libri che praticamente tutti ti hanno consigliato ma che tu non hai ancora letto!

Oggi le attività prevedevano due tag. Ne ho scelto uno perchè l'altro mi metteva più in difficoltà. Di seguito troverete quindi tutti i libri che mi hanno consigliato ma che io ancora non ho letto.


1) Forte come l'onda è il mio amore di Francesco Zingoni
 Lo so che dovrei leggerlo, e anche alla svelta! Le mie amiche blogger me lo ripetono ogni volta che possono e prometto che lo leggerò presto anche perchè mi ispira da morire!!!



2) Orgoglio e pregiudizio di Jane Austin
Ultimamente mi sto ributtando un po' sui classici e questo è uno di quelli che le mie amiche storiche continuano a dirmi che dovrei leggere. Tutte le volte che dico loro che non l'ho mai letto strabuzzano gli occhi! ahahahahahahha. E' già nella mia libreria quindi prima o poi lo leggerò!



3) P.S. I love you di Cecelia Ahern
Anche questo è uno di quei libri che pare abbiano letto tutti tranne me...ebbene no, io non riesco a decidermi, e non so neanche il motivo. Non ho neppure visto il film! :P



4) Cecità di Josè Saramago
Un altro libro che ho già e che devo solo trovare il tempo di leggere! Tutti mi dicono sia favoloso e ci credo ma sapete come va con queste cose... si rimanda, si rimanda e passano gli anni!


5) Harry Potter (tutti) di J.K. Rowling
Prontiiiiiiii....viaaaaaaa....potete cominciare a fustigarmi! NON ho mai letto Harry Potter. O meglio, ho letto il primo e mi è anche piaciuto ma poi ho visto i film e non mi sono mai messa a leggere gli altri libri (alcuni li ho anche ^^').



Ecco fatto, questi solo i libri che mi sono venuti in mente... sono aperta a tutto quindi se nei commenti volete consigliarmi i libri che non posso non leggere li aggiungerò alla lista! :)))))

lunedì 20 ottobre 2014

Recensione #31/2014 - Jane Eyre di Charlotte Bronte

Ciao a tutti, come state? Oggi, tenendo fede agli obiettivi prefissi per il Blogger Love Project, sono qui per condividere con voi il mio pensiero su un libro che ho finito di leggere da circa una settimana.
Sto parlando di Jane Eyre di Charlotte Bronte, pag. 717. Un grande classico della letteratura che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita.

Sinossi: Dopo un'infanzia difficile, di povertà e di privazioni, la giovane Jane trova la via del riscatto: si procura un lavoro come istitutrice presso la casa di un ricco gentiluomo, il signor Rochester. I due iniziano a conoscersi, si parlano, si confrontano e imparano a rispettarsi. Dal rispetto nasce l'amore e la possibilità per Jane di una vita serena. Ma proprio quando un futuro meraviglioso appare vicino, viene alla luce una terribile verità, quasi a dimostrare che Jane non può essere felice, non può avere l'amore, non può sfuggire al suo destino. Rochester sembra celare un tremendo segreto: una presenza minacciosa si aggira infatti nelle soffitte del suo tetro palazzo.

Difficile parlare di un super classico come questo. Sicuramente è uno di quei libri che potrebbe incutere timore per paura di una scrittura non più attuale, per paura di una trama noiosa e senza colpi di scena. Ecco, questo libro è tutto tranne che non attuale e noioso!
La cosa che ogni volta continua a stupirmi è quanto un libro scritto nel 1847 possa risultare così attuale! Nonostante siano passati 167 anni, Jane potrebbe essere tranquillamente la protagonista di un romanzo moderno. E che protagonista! Caparbia, appassionata, forte e temeraria. Certo un po' bruttina, ma cosa importa quando si ha un carattere capace di dominare le situazioni più difficili? E il destino non rende proprio la vita facile a questa ragazzina che conosciamo ancora bambina, orfana ed accudita da una zia che non l'ha mai voluta. Le vessazioni da parte dei cugini - ma soprattutto del cugino - sono all'ordine del giorno, e l'indifferenza della zia davanti a tutto questo assolutamente inaccettabile.
Ecco come viene descritto nel libro:
"Non lo ricordavo, ma sapevo ch'era mio zio diretto - il fratello di mia madre -, ch'egli m'aveva preso in casa sua quando da piccola ero rimasta orfana; e che nei suoi ultimi momenti di vita aveva fatto promettere alla signora Reed che mi avrebbe allevata come uno dei propri figli. La signora Reed probabilmente credeva di aver mantenuta la promessa; forse l'aveva mantenuta per quello che le permetteva la sua natura. Ma come in realtà avrebbe potuto amare un'intrusa, che non era della sua razza, che non le era unita da nessun legame, dopo la morte del marito? Doveva vedermi come un'estranea immischiata di continuo nel suo gruppo familiare."
Una scelta sicuramente vincente del libro credo sia stata quella di affidare la narrazione proprio a Jane, che spesso si rivolge anche al lettore rendendolo partecipe degli avvenimenti - tanti - che popolano il romanzo.
Da subito si può notare quanto l'autrice sia capace di descrivere i personaggi in modo molto minuzioso ma mai eccessivo; lo stesso avviene con le ambientazioni, che siano essi paesaggi sconfinati o stanze circoscritte. Ma tanto brava è nella descrizione prettamente fisica dei suoi personaggi, altrettanto lo è con i loro sentimenti, i loro pensieri, le loro peculiarità. Spesso ci ritroviamo ad arrabbiarci o soffrire con loro, come se vivessimo sulla nostra pelle ciò che ci viene raccontato.
Il crescendo della narrazione lo si ha con l'arrivo di Jane alla scuola di Lowood prima, e con il suo traferimento come governante a casa del signor Edward Rochester poi. E' proprio lasciando la casa della zia che vediamo il suo atteggiamento cambiare, diventando più aperta al mondo: prima grazie all'amizia con Helen Burns e poi grazie al suo attaccamento a Edward. Il suo carattere cambia, diventa più aperta, meno cupa e ci lascia entrare nel suo cuore condividendo i pensieri più intimi.
L'autrice ci regala un amore di quelli che riempiono il cuore, che fanno vibrare le corde dell'anima; ma ci regala anche un amore mai banale e mai prevedibile. E' forse però solo nel coronamento di questo amore che Jane non è tanto moderna, di sicuro una protagonista dei giorni d'oggi si sarebbe comportata in modo differente ma comunque, per l'epoca, capisco che la sua figura sia sembrata rivoluzionaria nei suoi atteggiamenti.
Difficile parlare di questo libro senza svelarvi le fasi più salienti quindi mi limito a consigliarvelo e a condividere con voi uno dei passi che più mi hanno fatto emozionare:
"Quando fui certa di poterlo osservare senza essere notata, fissai gli occhi su di lui e, se appena tentavo di distoglierli, inevitabilmente tornavo a guardar da quella parte. Lo osservavo, provando in quella contemplazione un piacere vivo, acuto, eppure straziante, oro puro trafitto da una punta d'acciaio, un piacere simile a quello dell'uomo morente di sete che si trascina sino ad una fonte che sa avvelenata, eppure si china, e ne beve l'acqua come se fosse nettare divino.
Vi è molta verità nel detto secondo il quale 'la bellezza è negli occhi di chi guarda'. Il viso pallido e olivastro del signor Rochester, la sua fronte massiccia, le folte e nere sopracciciglia, gli occhi profondi, la bocca ferma e severa - tutta energia, risolutezza, volontà - non rispondevano ai canoni della bellezza, non erano belli nel senso preciso del termine, ma per me il suo viso era più che bello, esercitava un'influenza, un'attrattiva che, dominandomi, mi toglieva ogni volontà e mi metteva tutta in suo potere. Non avevo voluto amarlo; il lettore sa quanto io abbia lottato per estirpare dal mio cuore i germi dell'amore che vi si erano annidati; ed ora m'era bastato rivederlo perchè quel sentimento si ridestasse in me, più vivo e più forte di prima. Egli mi costringeva ad amarlo senza neppure guardarmi"
Una sola cosa non ho molto amato del libro: un finale un po' poco approfondito rispetto al resto, un risvolto un po' troppo buttato lì e da questo dipende il mio voto non pieno a questo romanzo.
E' comunque una lettura piena di sorprese e molto molto appassionante. Di sicuro in futuro lo rileggerò e spero di rivedere a breve il film che avevo letteralmente adorato!
E voi? Lo avete letto? Cosa ne pensate? Quali sono i classici che rileggereste in ogni occasione e che quindi consigliereste a me? Vorrei prefissarmi l'idea di leggere almeno un classico al mese quindi ho bisogno del vostro aiuto per trovare quelli più belli!

VOTO:  


domenica 19 ottobre 2014

Blogger Love Project: Day Five Life outside the books

Buonasera a tutti! Come state? Vi siete un po' riposati in questo fine settimana? Avete letto molto?
Io non amo molto la domenica sera, soffro sempre di quella malinconia del week end che volge al termine. Ma va bè, è normale!!!
Questa sera ho deciso di ad una nuova tappa del Blogger Love Project. Devo dire che mi sto divertendo da morire e sto conoscendo tantissimi nuovi angolini carini in cui andare a sbirciare consigli libreschi in futuro! Se ancore non sapete cos'è il BLP date una sbirciata al post introduttivo!


Anche oggi, come qualche giorno fa, vi racconterò qualcosa di me e spero che anche voi mi racconterete qualcosa di voi e delle vostre passioni al di fuori dei libri.

Day Five: Life outside the books
  • L'obiettivo di questa attività è di scrivere un post più personale sulla nostra vita al di fuori dei libri, su una nostra passione in particolare ecc. Insomma mettere un attimo i libri da parte e concentrarci sul blogger che sta dietro ai post e alle recensioni!
Cosa dire di me oltre che amo i libri? 
Che sono felicemente mamma di un bambino di quattro anni e mezzo dovreste saperlo quasi tutti. Mio figlio riempie la mia vita come nient'altro al mondo e mi permette di vedere il mondo con i suoi occhi alleggerendo quelli che sono i problemi - tanti - di ogni famiglia.
Oltre a fare la mamma sono un architetto libero professionista - e non pensate con gli occhi sognanti che faccio un lavoro bellissimo perchè non è tutto oro quel che luccica - ciò significa che se non lavoro non mangio ed avendo una famiglia non è una situazione florea soprattutto in questo periodo di profonda crisi.
Sono una disordinata cronica e non sono assolutamente "la regina della casa"... queste due cose insieme fanno di me una frana in campo casalingo; che ci posso fare, non si può essere perfetto. 
Adoro il cibo, non cucinarlo... adoro mangiareeeeeeeeeeee!!!!! Potrei uccidere per tutto ciò che è cibo salato: focaccia, pizza, patatine, salatini e chi più ne ha più ne metta!
Ho da sempre il sogno di aprire una libreria o di creare un'associazione culturale per fare incontri letterari, gruppi di lettura, attività per bambini. Credo che purtroppo rimarrà un sogno a meno che io non vinca al superenalotto - tenendo conto che non lo gioco la vedo dura - o che non riceva un'eredità da un lontano parente - non ho lontani parenti ricchi purtroppo e l'unica volta che ho ricevuto un'eredità simile stavo giocando a Monopoli ahahahahahah -; ma va bè, anche i sogni servono per andare avanti e vivere giorno per giorno.
Il mio colore preferito è l'azzurro e in generale adoro qualsiasi colore della gamma dei blu ma non posso assolutamente sopportare quei colori nell'arredamento, perchè mi danno un senso cupo all'interno delle case - ho fatto un piccolo strappo alla regola per la cameretta di mio figlio che io sognavo verde e bianca ma che lui ha voluto bianca e blu, molto poco blu e tanto bianco ahahahahahah - in compenso la mia casa è principalmente rossa e bianca, due colori che insieme adoro!
Ed ora passiamo alle passioni, quelle vere, che fanno battere il cuore: sono una fan sfegatata dei Negramaro, ho assistito a diversi loro concerti compreso il primo a Sansiro e non mi lascio scappare un loro album. Ho un'amica con cui vado a tutti i loro concerti abbandonando in quelle occasioni il ruolo di mamme e di mogli!
Mi sembra di avervi rivelato abbastanza, anche perchè non so quanto a voi interesserà conoscere queste parti della mia vita! Quindi vi saluto sperando che anche voi vorrete condividere con me le vostre passioni!